Chi va piano va sano e va lontano: crescere, pasto dopo pasto!

Il divezzamento di un bambino è fatto di piccoli passi che vanno rispettati.

Non possiamo pretendere di introdurre qualsiasi tipo di alimento nella sua dieta o di fargli “assaporare” qualsiasi cosa senza criterio, e questo perché il bambino deve certo prepararsi  ad alimentarsi come farà poi da adulto, ma deve farlo gradualmente e secondo le caratteristiche  di quello che è lo stadio di sviluppo della sue capacità soprattutto digestive. Insomma, se pensiamo di addolcire il suo pianto con del miele o di fargli assaggiare del buon gelato quando ancora è troppo piccolo, rischiamo solo di fargli del male.

Daremmo mai una cipolla ad un cane?

Beh, rispettiamo anche le capacità dei bambini per farli crescere sani, ma un passo per volta!

Lo svezzamento  deve cominciare tra il quarto e sesto mese di vita. L’industria produce una vasta gamma di prodotti, già pronti o quasi. Sugli scaffali di farmacie, sanitarie o GDO la scelta è davvero vasta. Tutte le migliori marche dedicate all’infanzia, da Plasmon a Mellin, Nipiol, Milupa, Humana ed altre, offrono vari prodotti per le diverse esigenze. Tra questi vi sono gli alimenti precotti, tipo cereali, verdure ecc, vanno consumati subito dopo l’apertura mediante breve cottura o riscaldamento. In particolare le verdure di questi prodotti hanno il vantaggio di conservare tutte le vitamine ed i sali minerali, e di essere molto digeribili. Gli alimenti omogeneizzati invece (carne, verdure, frutta) sono  alimenti sottoposti a processo tecnologico che li rende particelle microscopiche altamente digeribile e assimilabile.

Tra questi i liofilizzati in particolare (che si presentano come polvere da diluire con brodi o latte) sono ancora più digeribili e presentano un valore nutritivo ancora più elevato. In genere si introduce tra il 4° mese compiuto e prima del compimento del 6° un vasetto di omogeneizzato di frutta (all’inizio mela e pera) per lo più per abituare per il lattante al cucchiaino, e le prime pappe fatte di farine senza glutine e brodi di verdure (carote, patate, zucchine). Dal 6° mese vengono  introdotti i legumi (lenticchie o fagioli), le verdure passate ed il formaggino. Dal 7° mese si introduce il pesce (nasello, sogliola), tuorlo d’uovo, prosciutto cotto. All’ 8° mese possiamo aggiungere anche la ricotta. Il pediatra controllerà il bambino mese per mese ed indicherà quali alimenti nuovi aggiungere e quando passare da 1 a 2 pasti al giorno. Meglio non aggiungere sale nel primo anno di vita, quando finalmente si potrà scegliere di dare al bambino latte vaccino (da non somministrare per il primo anno) e la varietà di alimenti  che consumiamo anche noi adulti, nel rispetto sempre delle regole di una sana e corretta alimentazione.

Dott.ssa Maria Esaminato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...