4+1 per una poltrona: Sant’Agnello aspetta maggio per il suo Sindaco

SAgnelloMunicipioE’ di queste ore la notizia che la tornata elettorale per ridare un Sindaco a Sant’Agnello slitta a maggio. La notizia torna utile per evitare le corse frenetiche almeno in questo primo mese dell’anno, per chiudere le liste già a metà gennaio o poco più. La relativa tranquillità che porta questa notizia ci consente di analizzare la situazione che in questi mesi di commissariamento si è venuta a creare a Sant’Agnello.

Attualmente l’unico candidato forte certo sembra essere Pietro Sagristani, a capo della lista civica “Sant’Agnello prima di tutto”. Patti chiari con tutti e rottura immediata con Pietro Gnarra (che a sentire la squadra dei Sagristani Boys voleva essere il candidato Sindaco…), stanno delineando la squadra disegnata sul gruppo di Consiglieri Comunali firmatari del documento “elimina Orlando”, di qualche mese fa.

Considarato che le nuove norme obbligano almeno 3 presenze femminili sui 10 nomi da candidare, a Sagristani rimangono “solo” 7 posti da dividere tra i 9 Sagristani Boys e 2 nomi nuovi che girano da qualche tempo tra la gente. Dando per certa la presenza in lista di Pasquale Esposito, Antonino Castellano e Giuseppe Gargiulo (in ordine elettorale 2008, ndr.), oltre che Attilio Massa, sarebbe sicura anche la presenza di Franco De Angelis, storico rappresentante dei “Giuseppini”, che già in passato avevano fatto capolino nella scena politica.

Tirando le somme, a parte le tre figure femminili, chiaramente avvantaggiate al voto, rimarrebbero a Sagristani solo due posti liberi per fronteggiare Orlando e le sue truppe.La squadra del Sindaco uscente però non è ancora definita. Rientrato il “pentito” Gnarra, del gruppo farebbero parte Giuseppe Coppola 71, Antonino Coppola, Giuseppe Coppola 62, Gaetano Maresca, Arturo De Alteris e Salvatore Guarracino. Se tutti fossero d’accordo, la squadra sarebbe fatta (sempre includendo le donne da posizionare obbligatoriamente), e stando ai numeri delle passate tornate elettorali, Orlando sarebbe in vantaggio sul rivale Sagristani.

Il problema ora però viene dalle velleità di Giuseppe Coppola 71 (molto forti) e Antonino Coppola (più soft, anche se ugualmente convinto di proporsi come Sindaco) che stanno tentando di convincere il gruppo per avere la chance da “titolo”. Mantenendo come incognite le simpatie popolari per Movimento 5 Stelle e PD, al momento molto nascosti, e in attesa degli eventi, rimane solida la convinzione di Forza Sant’Agnello, che propone al di là del voto di maggio, una nuova mentalità e un rinnovamento prima di tutto culturale.

Tenendo da conto stime (chiaramente opinabili, che si basano su un numero di 5500 voti scrutinati), il movimento creato da Salvatore Siviero sarebbe attestato tra le 400 e le 750 preferenze (2300 per Orlando e co., 2200 per Sagristani, circa 500 i voti per PD/ex Comunisti e Movimento 5 Stelle). Visto lo strapotere dei due schieramenti già esistenti, la cifra relativa a Forza Sant’Agnello sarebbe molto basata sul cosiddetto “voto di protesta”, fondendo i simpatizzanti del gruppo di Siviero con i delusi da Orlando e gli arrabbiati con Sagristani per aver lasciato il Comune senza una guida santanellese negli ultimi mesi. In definitiva attualmente ci sarebbe un 4+1 di papabili alla poltrona principale di Palazzo Matteotti: Sagristani contro uno tra Orlando/Coppola 71/ Antonino Coppola, con Salvatore Siviero a fare da 3° incomodo.

Forza Sant’Agnello

Annunci

3 thoughts on “4+1 per una poltrona: Sant’Agnello aspetta maggio per il suo Sindaco

  1. Grazie per la tua previsione che mi da vincente ma conto su un maggior numero di voti avendo una squadra di persone molto amate e stimate. Gian Michele Orlando

  2. Stimo l’idea di questo blog e dei vari argomenti che tratta e della persona che scrive.
    Ma, per quanto riguarda questo articolo descrittivo della prossima situazione elettorale a Sant’Agnello c’è da dire e molto. Personalmente, data la mia giovane età non capisco molto di politica o meglio non voglio capirne. Ma da santanellese mi sento toccato e vedo che ci sono tutti nomi che hanno un precedente. c’è bisogno di un ricambio generazionale che deve essere seguito da persone che hanno esperienza, ma lasciando libera iniziativa a chi giovane, vuole fare qualcosa di reale per il paese. dunque a mio parere c’è bisogno di unire i vecchi nomi con nuovi in quello che si pre-annuncia un periodo di passaggio e di ricrescita per Sant’Agnello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...